Il Museo delle Broken Relationship

Il museo delle Broken Relationship. Esiste davvero, a Zagabria nella città alta.

Nato come una esposizione itinerante, ora ha trovato una sede museale e la collezione continua ad essere implementata da cuori infranti che da ogni parte del mondo, inviano oggetti simbolo della relazione terminata.

Vi trovate dall’abito da sposa non utilizzato ai CD a un ascia, cartoline, libri, una macchinina a pedali che  raccontano al mondo, il dolore della perdita dell’amato bene sia esso fidanzato, sposo, madre o padre.

La visita permette una riflessione sulle relazioni che si interrompono dopo pochi mesi o dopo anni di convivenza e lunghi tratti di vita percorsa in comune.

La mia riflessione mi ha portato a ricordare  le tante donne che, sono entrate nel mio studio proprio in seguito ad evento traumatico del genere, qualcuno già concluso, altri in corso o addirittura ancora potenziale, si sa il sesto senso femminile è acuto!

Cuore gonfio di angoscia e desiderio di sfida, queste sono ottime motivazioni per rimettersi in gioco, coccolarsi e dedicarsi a sé.

Più difficile è invece pensare di offrire un sostegno di medicina estetica alle donne che la sfida la vedono fuori di sé, che soffrono il confronto con “l’altra”.

Questa motivazione può spingere verso richieste eccessive e  che tendo a non assecondare. Il mio compito è di cercare, insieme alla paziente, l’ esaltazione della bellezza naturale, il recupero di un aspetto più fresco e giovanile senza stravolgere un viso.

E ascoltare ed  essere empatica. Perché questo è quanto un paziente deve aspettare e pretendere dal medico di fiducia.

432